Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

Più o meno Europa?
Mettiamoci d’accordo

Più o meno Europa? <br> Mettiamoci d’accordo

di Paolo Pagliaro

(6 marzo 2019) Nei giorni pari l’Unione europea viene accusata di assenteismo rispetto alle questioni più urgenti come immigrazione o lavoro. Nei giorni dispari viene accusata del contrario, cioè di invadere competenze che dovrebbero essere degli stati nazionali e dei rispettivi sovranismi.
Non si capisce insomma se chi ci governa voglia più o meno Europa. Per capirlo, sette economisti, tra cui gli italiani Massimo Bordignon e Piergiorgio Carapella, hanno girato la domanda ai parlamentari di Italia, Francia e Germania sottoponendo loro un questionario uguale per tutti. Ai parlamentari è stato garantito l’anonimato per incentivare risposte oneste. Hanno risposto in 328, di tutti i partiti.
I risultati sono interessanti e non tutti scontati. C’è di fatto unanimità a favore di una maggiore integrazione delle politiche per quanto riguarda difesa e immigrazione, mentre i tedeschi sono contrari all’idea di spostare a livello europeo politiche salariali e regolamentazione del mercato del lavoro. Tutti, compresi i tedeschi, sono convinti che incrementare gli investimenti pubblici sia la chiave per aumentare la crescita. Tutti i parlamentari e tutti i partiti sono favorevoli alla proposta di attribuire al Parlamento europeo l’iniziativa legislativa, oggi di competenza esclusiva della Commissione. Sarebbe una svolta significativa, perché nel parlamento contano più le idee politiche che gli interessi nazionali.
C’è invece una contrapposizione frontale tra Sud e Nord Europa su tutte le proposte riguardanti l’eurozona, con francesi e italiani largamente favorevoli e tedeschi largamente contrari a Eurobond, budget comune, Quantitative Easing. sussidi europei per la disoccupazione, revisione del patto di stabilità.
Gli autori del sondaggio - che si può leggere su lavoce.info – segnalano l’ampia convergenza di opinioni i tra parlamentari francesi e italiani rispetto a quelli tedeschi. E si chiedono che senso abbia coltivare il conflitto con Parigi, di cui le assurde polemiche per l’intervista di Fazio a Macron non sono che l’ultimo esempio.

(© 9Colonne - citare la fonte)