Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

Il cardinale

nel tombino

Il cardinale
 <br> nel tombino

di Paolo Pagliaro

(13 maggio 2019) Il cardinale Konrad Krajewski – che è l’elemosiniere del papa - si è calato in un tombino e ha riattivato la luce staccata sei giorni fa in un palazzo occupato nel centro di Roma, dove vivono 400 persone. Il cardinale – che prima di laurearsi in teologia pare avesse fatto l’elettricista – ha spiegato che è delittuoso togliere a decine di famiglie e a un centinaio di bambini la possibilità di far funzionare i frigoriferi o di sedere a tavola dopo il tramonto. 
Commentando l’accaduto, un gesto evidentemente simbolico, il ministro dell’Interno Salvini ha detto di attendersi che l’elemosiniere del Papa paghi anche i 300mila euro di bollette arretrate, e che qualcuno in Vaticano si occupi delle famiglie italiane che faticano ad arrivare alla fine del mese. 
Va detto che anche prima di questa sollecitazione, la Chiesa si era data da fare per venire incontro alle attese del ministro. Nel mondo la Chiesa e le sue organizzazioni gestiscono infatti 5.300 ospedali, 16 mila dispensari, 15.000 case per anziani, malati cronici e disabili; 10 mila orfanotrofi; 12.000 giardini d’infanzia; 14.000 consultori; 3.500 centri di educazione o rieducazione sociale e 35.000 istituzioni di altro tipo. Di questi servizi si avvalgono, come sappiamo, anche molti italiani non benestanti. 
Altri italiani – il cui numero va purtroppo aumentando – frequentano le mense e i dormitori della Caritas. Più di 100 mila famiglie, 325 mila persone, il 56% italiane, fanno la spesa gratis negli empori solidali. Nella sola città di Roma ogni anno 20 mila persone si rivolgono agli ambulatori di strada gestiti dai volontari dell’Associazione “Medicina solidale”, ai quali l’elemosiniere del papa non fa mancare il suo concreto appoggio. Lo stesso cardinale Krajewski, a quanto si legge, paga a centinaia di famiglie latte, biscotti e affitti scaduti, comprensivi di bollette. Prima di impartirgli una lezione di legalità, forse Salvini avrebbe potuto ringraziarlo.

(© 9Colonne - citare la fonte)