Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

Randazzo, Giacobbe (Pd): Orgoglioso rappresentante
degli italiani nel mondo

Randazzo, Giacobbe (Pd): Orgoglioso rappresentante <BR> degli italiani nel mondo

“Siamo qui oggi per celebrare la vita di Nino Randazzo, padre, nonno, suocero e maggiormente amico sincero. La celebrazione di una vita esemplare che Nino lascia nei nostri ricordi, nel ricordo di quanti l’abbiamo conosciuto. Nino è stato un esponente brillante ed acuto della cultura italiana e australiana”. Così il senatore del Pd eletto all’estero Francesco Giacobbe, alla commemorazione in occasione del funerale del senatore Nino Randazzo svolta a Melbourne. “Io ho conosciuto Nino subito dopo il mio arrivo in Australia nel 1983 – ricorda Giacobbe -. Fu l’inizio di una lunga collaborazione ed amicizia. Cominciò con una bellissima intervista sulla mia esperienza politica in Italia e proseguì con la pubblicazione di una rubrica sulla previdenza italiana in cui rispondevo alle domande dei lettori. Nel 1985, lavorammo assieme nell’Ethnic Liaison Commitee del ministro Brian Howe, una commissione di inchiesta del governo australiano sui vantaggi e svantaggi degli accordi di sicurezza sociale con i Paesi di origine degli immigrati, fra cui l’Italia. Nino fu eletto nel Senato della Repubblica Italiana nel 2006 e rieletto nel 2008. Nel Senato, ricoprì importanti incarichi. Fu componente del comitato per le questioni degli italiani all’estero, dell’organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e della commissione agricoltura, dove fu anche eletto Segretario. Molti i suoi interventi convinti ed appassionati fra cui ricordo quelli sulla salvaguardia e la valorizzazione della dieta mediterranea e sulla difesa della rete Consolare e servizi per gli italiani all'estero”.

“Convinzione, passione e coraggio sono state le caratteristiche dell’impegno sociale e culturale di Nino – sottolinea Giacobbe -. I suoi editoriali erano ricchi di riflessioni piene di significato a volte critiche, quasi dissacranti, ma sempre volte alla difesa dei diritti della comunità ed alla costruzione della società multiculturale australiana. Tantissime le battaglie che assieme ai colleghi de il Globo e l’editore, il suo carissimo amico Ubaldo Larobina, condusse per i diritti di cittadinanza, il diritto alla pensione, contro la discriminazione e le generalizzazioni sulla comunità italiana. Nino ha scritto una pagina molto importante della storia degli Italiani in Australia e degli Italiani nel mondo e dobbiamo anche al suo impegno il successo della comunità italo australiana. Nino era una persona mite, umile ed onesta. Aveva ideali in cui credeva fermamente ed agiva con coerenza, anche in momenti difficili quando non esitò ad anteporre la sua fede in questi principi alla convenienza personale. Cosa molto rara nel mondo moderno dove c’è una grande crisi di valori ed ideali. È anche questo l’aspetto della vita di Nino che ispira il mio impegno e che dobbiamo valorizzare oggi e nel futuro”. “La scorsa settimana abbiamo commemorato la vita di Nino al Senato. È stato un bellissimo tributo accolto dai senatori di tutte le forze politiche con dolore ed ammirazione per le sue qualità personali. Un ulteriore riconoscimento del fatto che Nino è stato un orgoglioso rappresentante degli italiani nel mondo e del loro contributo allo sviluppo dell’Italia. Nino ora si è riunito alla sua cara Maria. Lascia un grande vuoto nella Sua famiglia e fra i Suoi amici. Ci mancherà”. (red – 23 lug)

(© 9Colonne - citare la fonte)