Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

“La notte della colpa”
di Vito Catalano

Libri
Ogni settimana uno scaffale diverso, ogni settimana sarà come entrare in una libreria virtuale per sfogliare un volume di cui si è sentito parlare o che incuriosisce. Lo "Speciale libri" illustra le novità delle principali case editrici nazionali e degli autori più amati, senza perdere di vista scrittori emergenti e realtà indipendenti. I generi spaziano dai saggi ai romanzi, dalle inchieste giornalistiche, alla storia e alle biografie.

“La notte della colpa” <br> di Vito Catalano

E’ nelle librerie e sugli store on line “La notte della colpa” di Vito Catalano. Una colpa che si riaffaccia dopo anni e un assassino che intende chiudere i conti con se stesso e con gli altri sono gli implacabili inseguitori in questo romanzo di Catalano, narratore di solida formazione. È impossibile fuggire dalle proprie responsabilità e dal proprio passato e le scelte sono sempre difficili: il destino mette alla prova quando si è giovani e quando si è adulti. Sullo sfondo di suggestive località della Sicilia e della Polonia, la storia si sviluppa rapida e con svolte improvvise e l’ancora di salvezza che l’amore rappresenta stavolta può non bastare. Un noir in cui si intrecciano la tensione del pericolo e il palpito della passione, il tutto sorretto da una scrittura agile, in cui la soluzione secondo la lezione di Karl Kraus diviene affascinante enigma. Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979 e vive fra la Polonia e la Sicilia. Nipote di Leonardo Sciascia, si occupa della fondazione a lui dedicata. Ha pubblicato tre romanzi: L’orma del lupo e Il pugnale di Toledo (entrambi edizioni Avagliano) e La sciabola spezzata (Rubbettino).

IN TUTTE LE LIBRERIE “PIANOFORTE: 7 NOTE DI ARMONIA MANAGERIALE”

In tutte le librerie fisiche e digitali è approdato “Pianoforte: 7 note di armonia manageriale” di Carlo Massarini e Ivano Scolieri per Hoepli editore (pagine 304, € 24,90 Hoepli Edizioni, settembre 2019). Ispirati dal fascino del pianoforte Massarini e Scolieri costruiscono un viaggio che unisce Management e Musica, cadenzato e ordinato dalle note di pianoforte. Ogni nota ha un determinato suono, una sua intensità che permette di collegarla, con riferimenti e citazioni, sia al mondo del lavoro sia a quello più popolare della musica. Ogni nota diventa il tempo e il perimetro di un racconto manageriale, raccogliendo diverse esperienze reali vissute in importanti organizzazioni nazionali e internazionali. “Pianoforte: 7 note di armonia manageriale” offre al lettore due velocità, due approcci stereofonici/metaforici del mondo del lavoro e delle sue competenze e, attraverso lo sviluppo della scala ‘armonica’, ogni singola nota diventa il riferimento di una dimensione manageriale. Questa dimensione viene tradotta in competenza o valore ed è raccontata attraverso esempi estratti dalla vita aziendale. Ogni dimensione aumenta la sua forza espressiva e di coinvolgimento attraverso esempi selezionati dal mondo della musica. Mentre Ivano Scolieri (consulente aziendale e formatore) fa una rassegna di comportamenti virtuosi che aiutano noi stessi e chi ci circonda - nel mondo del lavoro, delle aziende, delle relazioni - Carlo Massarini (giornalista e conduttore radio-televisivo) individua 21 figure/role model che incarnano queste competenze nella loro vita artistica, perché è interessante e divertente poter scoprire come una competenza possa essere un elemento di caratterizzazione sia per un manager sia per una rockstar. “Pianoforte: 7 note di armonia manageriale è un manuale fuori dall’ordinario perché pensato per offrire a ogni professionista la possibilità di un miglioramento continuo” dichiara Ivano Scolieri, a cui fa eco Carlo Massarini: “E’ il lettore che deve usare questo libro – in entrambe le sue parti - per fare una riflessione su di sé. Per capire dove la sua Nota è un punto di forza e dove, invece, è una debolezza che va rinforzata, raffinata, migliorata”.
SCHEDA / GLI AUTORI Carlo Massarini, nato a La Spezia, vive a Roma. Ha attraversato tutti i media - radio/televisione/ scrittura/fotografia/web - occupandosi di musica, arti contemporanee, tecnologia e mondi digitali. Ha esordito in radio con Per Voi Giovani nel 1971, poi Popoff nel 1973. In televisione nel 1981 con Mister Fantasy e nel 1986 con Non Necessariamente. Ha diretto e scritto per ‘Popster’ e ‘Rolling Stone’ (ed. italiana). Nel 1987 e 1988 ha presentato il Festival di Sanremo. Dal 1995 al 2002 è stato autore e presentatore su Rai Educational di Media- Mente, programma sulle nuove tecnologie digitali. Nel 2009 ha pubblicato per Rizzoli il foto-libro Dear Mister Fantasy (ripubblicato nel 2019 in edizione ampliata). Dal 2010 al 2015 ha condotto su Rai5 Cool Tour, Classic Rock e Ghiaccio Bollente. Dal 2012 al 2015 ha condotto su Virgin Radio Absolute Beginners; il libro che ne è stato tratto è stato pubblicato da Hoepli nel 2016. Ivano Scolieri è il fondatore di Inventrix, società specializzata in progetti di sviluppo manageriale e comunicazione creativa. Sociologo specializzato in Psicologia del Lavoro e dell’Organizzazione ha successivamente approfondito i temi della comunicazione strategica. È considerato un punto di riferimento nella costruzione di percorsi formativi ad hoc e format ad alto impatto per lanci prodotto e convention. Collabora con molte organizzazioni nazionali e internazionali per eventi, seminari e laboratori non convenzionali per lo sviluppo delle competenze hard & soft. In questi ultimi anni ha formato Areaxy, società specializzata nella produzione di strumenti olistici e prodotti per l’azienda. Sperimentazioni evolute tra suono e management, che vedono in pianoforte l’opera prima di un percorso.

“LUPO RACCONTA LA SMA”: FAVOLE ILLUSTRATE PER SPIEGARE E RACCONTARE L’ATROFIA MUSCOLARE SPINALE

Dodici storie ambientate nella natura con protagonisti simpatici animali (Lupo, Mastro Gufo, Papà lepre, Mago Corvo…) che con l’espressività delle illustrazioni e un linguaggio semplice raccontano metaforicamente un intero universo e gli eroi che lo abitano. È il mondo di bambini, ragazzi, genitori che ogni giorno si confrontano con la SMA, una malattia invalidante – caratterizzata da una grave debolezza muscolare progressiva – che ha un forte impatto, anche emotivo e psicologico, sui pazienti e le loro famiglie. Un modo per descrivere e far conoscere un mondo non semplice da vivere ma nemmeno, alle volte, da raccontare. “Lupo racconta la SMA” è il volume di favole disponibile gratuitamente nei principali punti vendita Feltrinelli in Italia fino a domenica 6 ottobre 2019. Scritto da Jacopo Casiraghi, Responsabile del Servizio di Psicologia del Centro Clinico NeMO di Milano e psicologo dell'Associazione Famiglie SMA Onlus, illustrato da Samuele Gaudio, con progetto grafico di Davide Sottile, entrambi giovani talenti dell’Istituto Europeo di Design, il progetto è promosso da Biogen in collaborazione con IED Milano. L’obiettivo è far conoscere attraverso racconti illustrati l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA), malattia genetica rara che colpisce circa 1 neonato ogni 10.000 ed è la più comune causa genetica di mortalità infantile. Secondo le stime, interessa oggi in Italia circa 850 persone, di cui la maggior parte con un’età inferiore ai 16 anni.

“PROGETTARE IMBARCAZIONI ACCESSIBILI” DI PAOLO FERRARI

Giovedì 10 ottobre, alle 16.30, presso la biblioteca del Consiglio regionale, a Trieste, sarà presentato il libro "Progettare imbarcazioni accessibili" di Paolo Ferrari. Il volume tratta della definizione di un nuovo approccio per la progettazione di yacht a vela accessibili, allo scopo di permettere a chiunque, anche alle persone con disabilità e agli appartenenti alle fasce più deboli, di navigare a vela senza più barriere. Partendo dall'analisi delle imbarcazioni da diporto esistenti, è stato possibile determinare una serie di casi che limitano l'accessibilità degli spazi interni ed esterni, proponendo soluzioni progettuali applicabili agli spazi ristretti degli yacht, funzionali all'utente con disabilità per eliminare le barriere architettoniche presenti a bordo.
SCHEDA / L’AUTORE Paolo Ferrari è architetto, svolge attività di ricerca presso il dipartimento di Ingegneria e Architettura dell'Università di Trieste, dove ha anche conseguito il titolo di direttore di ricerca in disegno industriale. Vincitore di numerosi premi in design nautico, è tra i massimi esperti di progettazione di imbarcazioni accessibili a vela e a motore. Giornalista freelance, scrive per diverse case editrici su tematiche tecniche e di design navale.

PARLA UNA DONNA, DIARIO FEMMINILE DI GUERRA DI MATILDE SERAO

Mostre, incontri e presentazioni: anche la romana Rina Edizioni (www.rinaedizioni.it) parteciperà alla sesta edizione di Ricomincio dai Libri che si tiene a Napoli nella Fondazione Quartieri Spagnoli fino al 6 ottobre. In questa cornice si svolgerà sabato 5 ottobre alle ore 11.15 nella Sala Cavalluccio Rosso la presentazione di “Parla una donna, diario femminile di guerra di Matilde Serao”. Le relatrici, Donatella Trotta e Paola Villa, racconteranno il libro che si compone di una raccolta di articoli usciti sul quotidiano «Il Giorno» tra il 1915 e il 1916 in cui la Serao considera la guerra da un particolare punto di vista: quello femminile. E lo fa riportando presentando un quadro dettagliato della condizione delle donne nelle diverse classi sociali che combattono ogni giorno sul fronte interno. Come molte delle sue colleghe coinvolte nel conflitto, la giornalista favorisce una visione conservatrice riguardo il ruolo della donna nella società in linea con una mentalità di tardo Ottocento e con i messaggi divulgati della propaganda bellica. Il testo si lega ai libri della realtà editoriale di Rina Edizioni tutta al femminile. Sono donne che raccontano di donne attraverso un progetto ben preciso: recuperare e ripubblicare scrittrici “dimenticate” riportando alla luce la loro esperienza e il contributo. Perciò la riscoperta si concentra sui testi delle italiane già editi ma con l’idea di scovare anche inediti. Le prime due collane prendono il titolo di Libertarie: voci di scrittrici italiane, i cui testi di Amalia Guglielminetti e Matilde Serao valorizzano la voce originalissima delle scrittrici che si sono impegnate a cogliere e raccontare la realtà. E Biblioteca pratica per la donna italiana, in cui si recuperano testi di autrici che offrivano consigli pratici destinati sia alla sfera domestica sia alle norme di saper vivere e comportarsi in società.

LA NAPOLI MISTICA DEL 700 DE “IL SEGRETO DI MIRTA”

Mistero, tradizioni alchemiche, sacri ordini e intrecci amorosi sono alcuni degli ingredienti dell'ultimo libro di Silvia Lorusso Del Linz, “Il segreto di Mirta”, pubblicato dalla Marlin Editore, la casa editrice diretta da Sante e Tommaso Avagliano. Il romanzo, ambientato in una suggestiva Napoli del 700, già dalle prime pagine coinvolge il lettore tenendolo senza fiato fino alla fine. Tra le pagine della Lorusso Del Linz, insieme all’atmosfera di una Napoli nascosta e mistica dove il potere femminile pagano é potente e temuto, non mancano sentimenti di amore ed amicizia. La storia parte da Roma dove Elena, sacerdotessa dell'Ordine di Demetra, viene catturata dalla Santa Inquisizione. La figlia, Mirta, riesce a fuggire con la nonna Antonia ed arriva a Napoli da un amico di famiglia, un libraio con bottega proprio in San Biagio dei Librai. Qui si dipana l'azione principale della narrazione che tra i protagonisti vede il Principe di San Severo, Raimondo di Sangro, che, gran maestro della massoneria napoletana, è un grande conoscitore ed amante di combinazioni ed esperimenti alchemici, e si renderà colpevole di rubare all'Ordine di Demetra delle reliquie esoteriche, dopo aver partecipato ad un rito arcano per la dea, celebrato in una villa romana. Decisivo per la piccola Mirta sarà la rivelazione del padre, la cui identità le é stata nascosta dalla nascita, e che la nonna, al momento opportuno, le svela, facendo giungere la storia a conseguenze imprevedibili.
SCHEDA / L’AUTRICE Silvia Lorusso Del Linz, scrittrice e regista teatrale, vive a Pordenone. Giornalista per diversi quotidiani, si e sempre occupata di cultura, teatro e cinema. Fra i suoi testi scritti per il teatro: Artemisia, Le Passioni di William Shakespeare, Il Moglio, Streghe si nasce, Le notti insonni di Edgar Allan Poe, Marina Cvetaeva, la voce dell’Anima, Dialoghi Interiori, La carta da parati gialla, Da Greenaway a Shakespeare. Ha dedicato particolare attenzione al mondo femminile, tra i suoi lavori ricordiamo: Scrittrici dimenticate, Da Dea a Strega – percorso sull’identità femminile nei secoli, Le Filosofe della Memoria, Etty Hillesum, Irène Némirovsky, Edith Stein. Alla controversa figura di Giulia Farnese, Silvia Lorusso Del Linz ha dedicato il suo primo romanzo: Giulia, una donna fra due Papi, ultimo fatica letteraria è “Il segreto di Mirta” pubblicato dalla Marlin Editore.

RENO BRANDONI PRESENTA IL LIBRO “FILASTROCCHE PER SENTIRSI GRANDI”

Domenica 6 ottobre alle 11 il musicista, scrittore e critico musicale Reno Brandoni sarà a “laFeltrinelli Libri e Musica” di Roma (Largo di Torre Argentina, 5/A) per presentare il libro “Filastrocche per sentirsi grandi” (Edizioni Curci). L’evento sarà moderato dal giornalista Andrea Carpi. “Filastrocche Per Sentirsi Grandi” (filastrocche di Maria Elena Rosati musicate da Reno Brandoni e Stefano Nosei) è un romanzo di formazione che comprende 9 filastrocche in musica, ascoltabili durante la lettura attraverso i QR code nascosti fra le pagine. Il testo contiene anche due brani, “Il sole nasce per tutti” e “Filastrocca alla rovescia” che vedono la partecipazione del trombettista Paolo Fresu. Protagonista del libro è Sara, un’adolescente che vive in un mondo moderno in cui la musica non esiste. Il nonno la condurrà lungo un viaggio alla riscoperta della musica, della sua potenza evocativa e in particolare verso la bellezza dell’ascolto in vinile. «Ho passato buona parte del mio tempo nella musica, ho vissuto il piacere dell’ascolto e la gioia della scoperta – racconta l’autore Reno Brandoni – Oggi mi ritrovo smarrito in una realtà che si dirige verso passioni discontinue e disattente. Questo libro tenta di recuperare ricordi ed emozioni, per me stesso e per chi non c’era».
SCHEDA / L’AUTORE Reno Brandoni è un chitarrista e scrittore che ha alle spalle una lunga e importante carriera di collaborazioni con Stefan Grossman. John Renbourn, Duck Baker e Dave Van Rock. È attivo dagli anni ‘80 come musicista, pubblicando gli album “Bluesando” (1984), “Zingarom” (2005), “Yelda” (2006), “Anema e Corde” con Giorgio Cordini (2008) e “Indifeso” (2017) ed esibendosi nei più importanti teatri italiani. Ha pubblicato i manuali di chitarra “Open Tuning Basics” e “Come suonare la chitarra Fingerpicking”, oltre a curare le trascrizioni delle tablature di chitarra del libro “Il manuale di chitarra folk” di Andrea Carpi. L’avventura come autore per ragazzi ha inizio nel 2017 con la pubblicazione per Edizioni Curci del libro “Il Re del Blues”, dedicato all’affascinante e misteriosa vita del bluesman Robert Johnson. L’anno successivo escono i libri “La notte in cui inventarono il rock”, incentrato sulla vita del noto chitarrista Jimi Hendrix, e “Una classica serata jazz”, un dialogo immaginario tra Fryderyck Chopin e Michel Petrucciani per un confronto tra musica classica e jazz. Ha fondato il sito web fingerpicking.net, incentrato sul mondo dei chitarristi, e la rivista musicale “Chitarra Acustica” per la quale scrive mensilmente.

(© 9Colonne - citare la fonte)