Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

“VITALIZI, I COMMISSARI
VALUTINO DIMISSIONI”

“VITALIZI, I COMMISSARI <BR> VALUTINO DIMISSIONI”

Intervistata dal Messaggero, il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati respinge le polemiche sui vitalizi e sui presunti conflitti d'interessi dei membri della commissione chiamata a giudicare sui ricorsi degli ex parlamentari. E alla vigilia della manifestazione M5S avverte: alla Camera la situazione non è diversa. Ciò premesso, e pur respingendo le accuse di conflitto d'interessi, essendosi nel frattempo dimessi i supplenti della commissione contenziosa di palazzo Madama, invita a “una riflessione da parte di tutti gli altri componenti della commissione contenziosa” che “contribuirebbe a spazzare via qualsiasi dubbio sulla sua terzietà”. “L'astensione annunciata dal presidente Caliendo – afferma la seconda carica dello Stato -  è stato un atto di responsabilità teso a sgombrare il campo da qualsiasi possibile strumentalizzazione politica e a salvaguardare la credibilità dell'istituzione Senato”. Casellati sottolinea che “nessun gruppo parlamentare, nessun partito si è espresso contro il taglio dei vitalizi. La commissione contenziosa che deciderà sui ricorsi degli ex parlamentari è un vero e proprio tribunale e come tale ha precise regole. 1 senatori che ne fanno parte sono stati designati a inizio legislatura secondo le indicazioni dei gruppi parlamentari e perciò ben prima dell'approvazione della delibera sui vitalizi. Nessuno ha mai contestato né la nomina dei singoli componenti né la loro compatibilità a decidere sul tema. Visto le recentissime polemiche, sarebbe stato decisamente meglio, come ho detto ripetutamente, che la riforma fosse stata approvata con una legge e non con un atto interno, sia al Senato che alla Camera”. Alla Camera c’è una situazione analoga? “Certo. Le commissioni contenziose sia al Senato che alla Camera sono giudici a tutti gli effetti e le loro decisioni devono essere motivate in punto di diritto e non di opportunità politica. Proprio per questo, poiché la questione non può essere politica, non comprendo come mai le medesime contestazioni sul conflitto di interesse non siano state sollevate anche nei confronti dei componenti del consiglio di giurisdizione della Camera”. (14 FEB / red)

(© 9Colonne - citare la fonte)