Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

Lockdown, eliminare
l’effetto-sorpresa   

Lockdown, eliminare <br> l’effetto-sorpresa   

di Paolo Pagliaro

(11 febbraio 2021) Lunedì scadrà il divieto di spostarsi da una regione all’altra e milioni di persone sono in attesa che il nuovo governo o quello uscente decidano se confermare il via libera o prorogare il blocco. E’ in gioco ciò che resta della stagione turistica invernale, ma soprattutto è in gioco la possibilità di contenere i contagi. Dal resto d’Europa vengono indicazioni sconfortanti. La Germania, che da settimane registra ormai il doppio dei nostri decessi, ha prorogato fino al 7 marzo la chiusura di negozi e ristoranti lasciando ai Lander la decisione sulle scuole. Scuole che sono invece chiuse in Grecia, dove non si circola dopo le 16. L’Austria ha di fatto sigillato le frontiere, il Regno Unito è in pieno lockdown, misura che viene richiesta anche dal direttore degli ospedali di Parigi, allarmato per la situazione nelle terapie intensive. Le chiusure hanno un effetto tanto devastante sull’economia quanto positivo sull’andamento dei contagi. Un gruppo di lavoro dell’Associazione Italiana di epidemiologia ha recentemente dimostrato come nelle regioni in zona rossa ci sia stato un declino significativo ed omogeneo dell’incidenza di Covid-19 nelle quattro settimane successive alla chiusura. Per ridurre l’impatto economico delle restrizioni sarebbe importante che esse fossero programmate, così da consentire alle imprese di organizzarsi. Ne parla oggi l’epidemiologo Rodolfo Saracci, un’autorità in materia, che su “Scienza in Rete” propone di non navigare più a vista, in attesa del responso degli algoritmi, ma di varare invece un calendario di lockdown, alternati con periodi di minori restrizioni , in grado di prevenire nuove ondate con alta mortalità ma anche di consentire ai cittadini di sapere cosa li aspetta.

(© 9Colonne - citare la fonte)