Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

GLI USA SUPERANO
LE 600MILA VITTIME

GLI USA SUPERANO <BR> LE 600MILA VITTIME

Com’era purtroppo ampiamente previsto, gli Stati Uniti hanno oltrepassato nelle scorse ore l’apocalittica soglia delle 600mila vittime totali provocate dal Covid-19. Secondo i dati dell’autorevole database della Johns Hopkins University, fino a questa mattina gli States hanno contato almeno 600.272 decessi correlabili al nuovo coronavirus su 33.485.068 contagi complessivi. In media, la malattia ha ucciso negli Usa una persona ogni 550. La prima vittima del Covid negli Stati Uniti venne registrata il 29 febbraio 2020, nello stato di Washington. Solo più tardi, altri due decessi avvenuti precedentemente in California vennero identificati come rapportabili al Covid. Con l’avanzare della campagna della vaccinazione di massa, ormai il virus negli States ha rallentato fortemente la sua circolazione, anche se non è certo scomparso. Stando ai dati fornito dl Nyt, nelle ultime 24 ore il nuovo coronavirus ha fatto registrare negli Usa 10.771 nuovi contagi e 383 decessi.  

LA PROGRESSIONE. Vale la pena riepilogare per sommi capi la dinamica della pandemia negli Usa, che toccarono la quota delle mille vittime il 24 marzo 2020. il 23 maggio 2020, ovvero 84 giorni dopo il primo decesso accertato, gli Stati Uniti superarono i 100mila decessi. Ci vollero quindi altri 120 giorni per giungere ai 200mila morti (20 settembre 2020) e altri 82 giorni per i 300mila (11 dicembre 2020). A questo punto la sequenza diventa impressionante e i numeri fotografano bene l’esplosione provocata dalla seconda ondata virale. In appena 35 giorni, infatti, gli Usa toccano la quota del 400mila decessi (16 gennaio 2021) e ce ne vollero solo altri 37 per giungere al mezzo milione (22 febbraio 2021). Grazie al maggior rispetto dei gesti-barriera e soprattutto alla comparsa dei vaccini, a questo punto il virus ha rallentato ma purtroppo dopo altri 113 giorni è stata comunque toccata l’ennesima tragica soglia delle 600mila letalità.

GIORNI NERI. I “giorni neri” dell’epidemia negli Usa sono stati in particolare mercoledì 20 gennaio con 4.131 morti in un solo giorno; sabato 9 gennaio con 278.920 contagi diagnosticati in 24 ore; venerdì 8 gennaio (269.420 contagi); giovedì 7 gennaio (268.883 casi e 4.110 morti) e mercoledì 6 gennaio con 268.840 casi e 3.920 morti in 24 ore. (16 GIU - deg)

(© 9Colonne - citare la fonte)