Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

Deborah Compagnoni
la regina dello sci

Ritratti
Una galleria giornalistica di ritratti femminili legati all'Unità d'Italia. Donne protagoniste nell'economia, nelle scienze, nella cultura, nello spettacolo, nelle istituzioni e nell'attualità. Ogni settimana due figure femminili rappresentative della storia politica e culturale italiana passata e presente.

Deborah Compagnoni <br>la regina dello sci

La regina dello sci alpino italiano. Non c’è un modo migliore per definire Deborah Compagnoni, la sciatrice italiana più vincente nella storia e la prima atleta al mondo ad aver vinto tre medaglie d’oro in tre diverse edizioni dei Giochi Olimpici invernali. Neanche i gravi infortuni subiti in carriera sono riusciti a fermare la sua parabola, costellata da 16 ori iridati e tre olimpici, oltre alla vittoria di una Coppa del mondo in Gigante.

Nata a Bormio nel 1970, ha debuttato a livello internazionale a 16 anni, nei Mondiali juniores di Bad Kleinkirchheim, con un terzo posto nella libera. L’anno successivo, il primo piazzamento in CdM a Sestriere (quinto posto). Nel 1988, quando sembrava lanciatissima per il primo trofeo, la rottura del crociato e un blocco intestinale che le fecero rischiare la vita. Senza mai mollare, l’anno seguente tornò in pista e ai campionati italiani non lasciò spazio a nessuno: oro in tutte le quattro specialità in programma (libera, gigante, supergigante e speciale).

Il primo podio in CdM nel 1991 (secondo posto), l’anno successivo il primo successo in supergigante e la prima Olimpiade invernale, ad Albertvlle, dove prima vinse l’oro nel supergigante e poi si ruppe nuovamente i legamenti del ginocchio. Ancora uno stop ma ancora una ripartenza: nel 1993 debuttò ai Mondiali (quinta in supergigante). Nel 1994, seconda esperienza nei Giochi invernali, a Lillehammer, dove vinse il suo secondo oro olimpico, ancora nel supergigante. Nel 1996 e nel 1997, due titoli mondiali in gigante, a Sierra Nevada e Sestriere. Un doppietta - l'affermazione in due edizioni consecutive - riuscita a pochissimi atleti, anche nelle competizioni maschili. Sempre nel 1997, vinse la Coppa di cristallo in slalom gigante: per la prima volta una sciatrice italiana vinse una Coppa di specialità.

A Nagano, nel 1998, ultima esperienza olimpica e ancora l’oro nello slalom gigante, oltre all’argento nello speciale. In quella stagione furono quattro i primi posti in slalom gigante. L’ultimo podio di CdM l’11 dicembre di quell’anno, a Val d’Isére. L’anno successivo, a Vail-Beaver Creek, l’ultima partecipazione a un Mondiale. Al termine della stagione si ritirò, con un palmares incredibile che sarà difficile da eguagliare. (red - 14 feb)

(© 9Colonne - citare la fonte)