Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

CAROLA, NUTELLA E COCA
SALVINI SPARA A ZERO

CAROLA, NUTELLA E COCA <br> SALVINI SPARA A ZERO

“Mi è arrivata la denuncia di Carola Rackete per istigazione a delinquere e diffamazione”. Inizia così la diretta Facebook di Matteo Salvini, che sorridente sventola davanti alla Camera le carte della Procura di Milano. “Noi sorridiamo e contro-denunciamo: conto di incontrarla in tribunale perché gli italiani sappiano una volta per tutte se aveva ragione il ministro che difendeva i confini italiani o una signorina tedesca viziatella e di sinistra, con l’hobby di trasportare immigrati irregolari che ha speronato una motovedetta della Guardia di Finanza”. “Per addolcire la giornata, mangerò una fetta di pane e Nutella – prosegue l’ex ministro dell’Interno – con una richiesta alla Ferrero: comprate ingredienti italiani, dallo zucchero alle nocciole, per aiutare i nostri agricoltori e produttori”. Il riferimento è alla polemica innescata ieri con l’azienda dolciaria, che userebbe nocciole provenienti dalla Turchia: “Ma l’Europa dice che la dieta mediterranea è pericolosa. Vorrebbero che mangiassimo tutti patatine surgelate e coca zero”. Il leader della Lega tiene il punto sul caso del custode bolognese che ha sparato a un presunto ladro uccidendolo. “Ribadisco la mia totale solidarietà e vicinanza al custode. Dispiace, ma sono i rischi annessi al mestiere del ladro. Contiamo che la legge sulla legittima difesa aiuti questo signore: in torto è chi entra in casa altrui, non chi la difende. Siamo tutti custodi”. Così Matteo Salvini durante l’ultima diretta sul suo canale Facebook, che commenta anche il suo presunto incontro con Matteo Renzi nella villa di Denis Verdini: “Scrivono che mi sono visto con Renzi sorseggiando un bicchiere di vino rosso: ma se lo devo fare, cerco altra compagnia. Intanto a Roma continuano a scannarsi in Consiglio dei Ministri sul tema tasse ma la Lega ha firmato per il rinnovo della pace fiscale: questa sarà la nostra battaglia nei prossimi giorni. Solidarietà ai sindaci laziali che stanno protestando sotto al Campidoglio”. “Ringrazio i volontari incontrati in questi giorni e ieri a Ravenna: da domani saremo in tutte le piazze italiane, vi aspettiamo per firmare contro il Mes. Da giovedì 12 poi sarò in Calabria, a Catanzaro, Pizzo Calabro, Vibo Valentia, Reggio Calabria e Scilla. Un abbraccio a Carola – conclude il segretario della Lega – un abbraccio alle sardine, vado a farmi una fetta di pane e Nutella alla salute del custode. Vi aspetto in piazza, se voi non mollate, io non muoio finché campo, sperando nel buon Dio di campare ancora per qualche annetto”. 

(© 9Colonne - citare la fonte)